“Sole” premiato agli European Film Awards

Il giovane regista romano Carlo Sironi vince il premio film rivelazione del 2020

«Sin da giovane mi sono chiesto come sarebbe stata la mia vita se fossi diventato padre: cosa significa diventare padre, diventare genitori? Ovviamente non ha a che fare semplicemente con il mettere al mondo una creatura con il proprio corredo genetico, ma piuttosto con un cambio di approccio rispetto alle proprie prospettive, alle proprie aspettative. Cosa si prova a posare lo sguardo su una creatura appena nata di cui ti devi prendere cura, di cui ti senti responsabile? Mi sono chiesto se potrei mai diventare il padre di un bambino non biologicamente mio, un percorso forse meno usuale ma non per questo meno concreto. Sole è il tentativo di rispondere a questa domanda».

Carlo Sironi

 

 

 

SOLE

Un film di Carlo Sironi
Con Sandra Drzymalska, Claudio Segaluscio,
Barbara Ronchi
(ITALIA/POLONIA 2019 – Drammatico, 102’)

 

Ermanno è un ragazzo senza direzione, che passa il tempo a giocare alle slot machine e campa di espedienti, non sempre legali. Suo zio Fabio gli affida l’incarico di fingersi il padre del bambino che Lena, una ragazza polacca, porta in grembo, in modo da poter adottare il nascituro insieme alla moglie Bianca, cha da (troppo) tempo desidera un figlio. Ermanno obbedisce, un po’ a fronte del compenso promesso, un po’ perché zio Fabio è la sua unica famiglia, un po’ infine perché non sa nemmeno lui che cosa vuole dalla vita: solo che, qualunque cosa sia, non la sta ottenendo.

 

Author: Redazione

Share This Post On