ROMA-PARIGI

Tra le personalità che hanno contribuito con concretezza ed efficacia a dare seguito al Gemellaggio tra le due città, spicca Madame Jacqueline Zana-Victor, responsabile della Commission Nationale Femmes  durante la presidenza Mitterand, già assessore municipale alla cultura e attuale Segretario generale e responsabile della Commissione Cultura del CESC Conseil Economique Social et Culturel, che all’alba del terzo millennio lancia la Semaine Italienne à Paris, l’iniziativa promossa dal 13° Arrondissement de Paris che dal 2000 si svolge ogni anno nel mese di giugno a Parigi per favorire le relazioni e le attività artistiche e culturali tra l’Italia e la Francia.

Da Pier Paolo Pasolini a Marcello Mastroianni, la Semaine Italienne magistralmente diretta negli anni da Madame Zana-Victor ha proposto omaggi, centinaia di incontri letterari e decine e decine di spettacoli teatrali, dalla Commedia dell’Arte a Goldoni senza mai trascurare avanguardia e innovazione. 

Da Ettore Scola a Claudia Cardinale, tra i tanti Ospiti d’Onore negli anni si sono esibiti in concerto a Parigi Amedeo Minghi Giuliano Sangiorgi dei “Negramaro“, oltre ai tanti concerti di musica popolare e tradizionale. Ampio spazio anche alla musica jazz, dagli italiani che vivono nella Ville Lumiere, come il batterista e cantante Aldo Romano o il contrabbassista Riccardo del Frà che dirige il Dipartimento Jazz del Conservatoire National Supérieur de Musique, alle tantissime formazioni che sono arrivate appositamente dall’Italia, come il  “Trio di Roma” che ha visto salire sul palco Danilo Rea al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso e Roberto Gatto alla batteria

Particolarmente attesa dai parigini la rassegna di cinema all’Escurial, dove tra retrospettive sui classici e gli incontri e dibattiti con i registi delle uscite della stagione, la Semaine Italienne ha proiettato molti film in anteprima assoluta per la Francia, da “Cesare deve morire” dei fratelli Paolo e Vittorio Taviani a “Manuale d’Amore” di Giovanni Veronesi.

Ad incrementare gli scambi ed alimentare i rapporti tra Roma e Parigi, l’iniziativa di Madame Zana-Victor si completa dal 2010 con la realizzazione della Settimana francese a Romache nel marzo del 2019 ha celebrato la sua X edizione patrocinata dal 13° Arrondissement de Paris e da Roma Capitale – Municipio Roma I Centro.

Le iniziative dell’ideatrice e direttrice artistica della manifestazione, supportate nelle prime edizioni da Dario Marcucci, Presidente Municipio III Roma Capitale e poi da Sabrina Alfonsi, Presidente del Municipio Roma I Centro, hanno offerto negli anni a cittadinanza e turisti un ricco cartellone di eventi tra cinema, teatro, musica, poesia e letteratura, mostre di arte, illustrazioni e fotografia, happening e moda, visite guidate e degustazioni, tutti rigorosamente ad ingresso gratuito.

Otre al magnifico Palazzo Farnese, alla splendida Villa Medici e all’Auditorium di San Luigi dei Francesi in largo Toniolo, negli anni le tante occasioni di incontro con i protagonisti della cultura contemporanea tra Roma e Parigi, l’Italia la Francia sono state ospitate nelle più suggestive location capitoline.

Dallo Stadio di Domiziano nei sotterranei di Piazza Navona alla Chiesa di San Silvestro al Quirinale, dal Conservatorio di Santa Cecilia nella sede in via dei Greci della più antica istituzione musicale al mondo, fino alla Accademia Nazionale di Danza all’Aventino, dalla Casa del Jazz alla Porta Ardeatina alla Casa dell’Architettura all’Acquario Romano, dal Macro al Teatro di Villa Torlonia.

Madame Zana-Victor ha saputo raccogliere ed indirizzare con grande brillantezza una straordinaria rete fondata sulla partnership che negli anni, oltre a ricevere l’Haut Patronat de l’Ambassade de France en Italie, ha realizzato iniziative congiunte con l’Accademia di Francia Villa Medici,  stretto e consolidato l’ormai usuale apporto alla Settimana francese da parte dell’Institut Français – Centre Saint-Louis e del Lycée Chateaubriand, che arricchiscono con iniziative di qualità ogni nuova edizione, come sempre vitale e prezioso è stato il contributo della Civica Scuola delle Arti e di Fabbrica Harmonica.

Teatro Italia, Teatro Centrale, Teatro della Cometa, l’iniziativa coinvolge anche molteplici strutture private e molti degli eventi vengono ideati, progettati e realizzati direttamente con gli operatori del settore.

Una manifestazione che ha replicato e aumentato negli anni il suo successo, anche grazie al sempre maggiore coinvolgimento delle realtà più attive, dinamiche e innovative del territorio. Come la Fox Gallery in piazza del Gesù diretta da Saskia Morelli, lo Spazio5 in via Crescenzio diretto da Maurizio Riccardi, la Fòndaco Gallery in via della Trezza diretta da Emanuela Mafrolla, con il diretto coinvolgimento di Andrea Ungheri del Polmone Pulsante alla Salita del Grillo, di Pierfrancesco Maritti che gestisce la Lupigiada in via Tor de’ Conti, entrambi spazi culturali che animano i vicoli del Marchese del Grillo, la cui storia profondamente intrecciata con la Francia è stata resa celebre dall’indimenticabile Alberto Sordi.

Nel 2020 le sopravvenute emergenze per il contenimento del Covid-19 hanno comportato a Roma come a Parigi l’annullamento di entrambe le settimane che Madame Zana-Victor aveva portato avanti con indomito spirito ed immutata passione.

 

Jacqueline Zana-Victor
Ideatrice e direttrice artistica

Légion d’honneur, Officier des Arts et des Lettres, Commendatore dell’Ordine della Stella d’Italia, suprema onorificenza della Repubblica italiana istituita per ricompensare quanti abbiano acquisito particolari benemerenze nella promozione dei rapporti di amicizia e di collaborazione tra l’Italia e gli altri Paesi, Madame Jacqueline Zana-Victor è l’ideatrice e infaticabile animatrice della Semaine italienne che dal 2000 si svolge ogni anno a Parigi nel mese di giugno e della Settimana francese che dal 2010 si svolge ogni anno a Roma nel mese di marzo.

Responsabile dal 1986 al 1995 della Commission Nationale Femmes durante la presidenza di François Mitterand, già assessore municipale alla cultura, attualmente Madame Zana-Victor ricopre l’incarico di Segretario generale e responsabile della Commissione Cultura del CESC Conseil Economique Social et Culturel.

Author: Redazione

Share This Post On