Tra memoria e oblio

Le arti contemporanee e i fascismi europei: il convegno internazionale ad aprile a Villa Medici

Le conseguenze storiche del fascismo hanno avuto un ruolo importante nella formazione del progetto politico europeo. La memoria del fascismo ha avuto un impatto talvolta violento, talvolta più sottile e complesso, tanto sulla vita quotidiana dei cittadini europei quanto sull’elaborazione intellettuale.

Interrogare la storia è stato per molti artisti un modo per affrontare la memoria del passato traumatico sia nei termini di un confronto sporadico, sia facendo di quell’interrogativo l’oggetto centrale del loro lavoro.

Dopo il convegno internazionale organizzato a Roma nel 2018, dedicato al Fascismo italiano nel prisma delle arti contemporanee. Reinterpretazioni, montaggi, decostruzioni (Università Roma Tre, 5-6 aprile 2018), l’Accademia di Francia di Villa Medici vuole estendere l’indagine oltre l’Italia, prendendo in considerazione le differenti forme di dittatura che hanno tratto ispirazione dal regime fascista e che si sono insediate al potere in vari paesi prima e dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Germania e i paesi occupati dal Reich, la Spagna falangista e franchista, il Portogallo sotto Salazar, il regime militare in Grecia.

Altri paesi europei, che hanno accolto i rifugiati in fuga dalle dittature, saranno ugualmente presi in considerazione. La prospettiva europea permette di estendere la cronologia e invita a indagare il fascismo nelle sue varie forme, tanto come evento storico quanto come meccanismo politico e rituale del potere.

L’interesse è incentrato sulle varie forme in cui l’arte contemporanea si è confrontata con l’eredità del fascismo, tra memoria e oblio, in relazione a continuità e discontinuità, interrogazione e protesta, ricerca iconografica e consapevolezza storica.

Se l’analisi comparativa è uno strumento utile per comprendere meglio le strategie artistiche, solleva anche il problema teorico della diversità dei fenomeni storici ai quali le opere d’arte fanno riferimento. Uno degli obiettivi del convegno è di problematizzare gli approcci scientifici comparativi proposti finora tra le diverse discipline.

Tema principale del convegno sono i metodi di lavoro degli artisti e le relazioni che le diverse generazioni hanno sviluppato nei confronti del passato. Più specificamente, si vuole approfondire e comprendere come l’uso di determinati media artistici può dare forma alla relazione con il passato e come questo influenza la visualità contemporanea in termini, ad esempio, di immagini statiche e in movimento, di design, esposizioni o tipografia.

Questo include anche confrontarsi anche con la storia materiale degli artefatti come oggetti di collezionismo e interrogare lo sguardo apparentemente distante della storiografia artistica. In questo modo il convegno intende esplorare la longue durée della costruzione e decostruzione della storicità, oltre lo studio tradizionale di singole persone, lavori, eventi.

Comitato scientifico:

Luca Acquarelli (CNRS-EHESS)
Patrizia Celli (Accademia di Francia – Villa Medici)
Laura Iamurri (Università Roma Tre)
Tristan Weddigen (Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia dell’arte)

LUNEDI 8 E MARTEDI 9 APRILE 2019 | CONVEGNO INTERNAZIONALE
Tra memoria e oblio: le arti contemporanee e i fascismi europei
ACCADEMIA DI FRANCIA – VILLA MEDICI
Viale Trinità dei Monti 1

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.