RomaBombay
di Giulia Ananina

Il video del primo singolo dell’album “Come l’oro” di Giulia Ananìa

“Tra barbieri del Bangladesh, alimentari multietnici e ristoranti cinesi assistiamo ad un tour della capitale a dir poco insolito. Una coppia di circostanza, composta da un bimbo indiano di tre anni e una ragazza dai capelli biondi, ci accompagna in una Roma lontana da quella de La Grande Bellezza di Sorrentino.

Una Roma fatta di risciò, mercati rionali, zoo deserti e luci al neon dei centri slot: parrocchie del gioco d’azzardo.
E’ un Viaggio di Kikujiro peculiare e malinconico. Fatto sì di nostalgia, ma anche di nuove speranze e di integrazione. E forse persino di lascito. Chi può saperlo.

Sulle note di RomaBombay di Giulia Ananìa scorgiamo finalmente la multietnicità sempre più radicata indissolubilmente come in ogni altra città d’Italia anche nella città millenaria, oramai ben lontana dalle immagini del neorealismo de La Dolce Vita di Fellini e dalle produzioni d’oltreoceano con i divi di Hollywood.

Una metropoli in cui popoli che vengono da molto lontano, e non necessariamente dai confini limitrofi, finiscono inesorabilmente per donare il loro contributo a renderla più sfaccettata e cosmopolita
A Roma sui santi ci si cammina”.

di Luca Vecchi

 

Regia e Montaggio: Luca Vecchi
Fotografia e Color: Vito Frangione
Scenografia: Noemi Marchica
Vestiti Abdul: Federica Scipioni
Aiuto regia organizzazione: Ludovica Vittozzi, Camilla Reali
Delegato di Produzione: Francesco Erba
Post produzione: Fabio Frangione
Il piccolo Abdul per RenateCasting

Makeup: Sara Terracciano
Styling: Federica Giovannone
Foto di scena: Francesca Ludici

Etichetta: Bassa Fedeltà

Un ringraziamento speciale a Ornella Morsilli
Produzione Esecutiva: Pork Chop Express

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.