REF KIDS

Quattro settimane, dieci spettacoli, sessantuno repliche: parte il 10 novembre negli spazi della Factory e della Pelanda – MACRO Testaccio di Roma “Ref Kids”, la sezione del RomaEuropa Festival dedicata ai bambini e alle loro famiglie.

Agli spettacoli – distribuiti durante i fine settimana – si aggiungeranno diciannove appuntamenti tra incontri e workshop, organizzati dalla fitta rete di associazioni e operatori culturali coinvolta dalla curatrice della rassegna di teatro per ragazzi Stefania Lo Giudice, dal direttore Fabrizio Grifasi e dalla presidente del RomaEuropa Festival Monique Veaute.

Dai fenomeni degli haters e del cyberbullismo, fino al concetto di gamification, l’osservatorio virtuale Famiglia punto Zero si occuperà di portare al centro del dibattito i temi più caldi dell’educazione contemporanea. Qual è il ruolo della tecnologia nei processi familiari? Come possono reagire i genitori di fronte alla perenne connessione dei propri figli al web? E, ancora, come si può sfruttare la tecnologia per una crescita sana e un’educazione virtuosa? Con l’intervento di esperti del settore, come il professor Giovanni Ziccardi, il giornalista Andrea Angiolino e la regista Vania Cauzillo, l’associazione capitolina propone al pubblico del REF quattro incontri, uno per ogni sabato in calendario: “Cyber bullismo e odio online: emergenza educativa digitale”, “Iperconnessi. Bambini e ragazzi risucchiati dai video e dai videogames”, “Workshop per genitori di gamification learning”, “Spiegare il male e la paura ai bambini”.

Nuovi metodi educativi, nuovi stimoli, nuovi mezzi. Il teatro del REF Kids non sarà puro intrattenimento, lancerà stimoli sempre più forti per ri-pensare a modelli didattici, creando occasioni di crescita per i bambini ma soprattutto per i genitori. Un’iniziativa emblematica in questo senso è il Labirinto esperienziale pensato, costruito e gestito dalla compagnia “teatrodelleapparizioni”.

All’inizio del labirinto lungo cinquanta metri sarà chiesto ai genitori se se la sentono di lasciare che i figli facciano il percorso da soli – spiega Fabrizio Pullara – Bisogna imparare ad accettare che le difficoltà saranno necessarie affinché i bambini diventino adulti e che non possiamo proteggerli per sempre delle sofferenze.

Il teatrodelleapparizioni metterà in scena anche lo spettacolo “La mia grande avventura” ispirato da una storia per ragazzi proveniente dal continente africano.

Un rito di passaggio – conclude Pullara – alla fine del quale il piccolo protagonista diventa grande.

La rassegna teatrale

Alle tante attività collaterali, si unisce la ricca rassegna di spettacoli teatrali selezionata dall’organizzazione del RomaEuropa Festival. Si parte con l’anteprima del 10 novembre al Teatro Vascello di “ChottoDesh” della Akram Khan Company, per poi continuare nei giorni successivi con Dark Circus degli Stereoptik, Tripula dei Ferrés brothers e iPet degli BonteHod. In questa prima tranche di spettacoli i bambini si confronteranno con favole di paesi lontani, con la realtà virtuale e con l’affascinante universo del circo (per il programma completo si invita a consultare il sito internet del festival.

Tutti gli spettacoli avranno un prezzo contenuto – sottolinea Fabrizio Grifasi – per permettere la fruizione a tutte le famiglie.

Le repliche andranno in scena tra il Teatro Vascello e gli spazi de La Pelanda.

DAL 10 AL 26 NOVEMBRE 2017
REF KIDS
La Pelanda, Factory e Teatro Vascello
Macro Testaccio – piazza Orazio Giustiniani 4
venerdì, sabato e domenica dalle 11:00
biglietti: per gli incontri ingresso gratuito, per gli spettacoli dai 10 ai 20 euro e dai 5 ai 10 per i bambini fino ai 12 anni
infoline: 0645553050
e-mail: kids@romaeuropa.net
www: www.romaeuropa.net/festival-2017/kids

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.