DOIT Festival

La quarta edizione di Drammaturgie Oltre il Teatro assegna ex-equo agli spettacoli “Apload” e “Tània si è addormentata” i premi 2018

Teatro di narrazione e di impegno civile, drammaturgie originali, anteprime nazionali, adattamenti teatrali di racconti e fiabe della letteratura italiana e internazionale, performance multi-lingue e spettacoli che gettano uno sguardo profondo, e a tratti dissacrante, su temi esistenziali e sociali della quotidianità e della nostra storia.

Sono questi i protagonisti della quarta edizione del “DOIT Festival | Drammaturgie Oltre il Teatro”, iniziativa ideata e curata da Angela Telesca e Cecilia Bernabei che dal 15 marzo al 15 aprile ha arricchito di cultura il cartellone della Città eterna, portando avanti questa sfida di qualità nel panorama teatrale romano.

Realizzato senza finanziamenti pubblici, il festival intende valorizzare la simbiosi tra messinscena e scrittura per il teatro, in stretta connessione con il concorso di drammaturgia contemporanea L’Artigogolo che promuove nuovi drammaturghi e compagnie indipendenti provenienti da tutta Italia, intercettando proposte creative di qualità, anche e soprattutto nelle realtà “periferiche” che trovano sempre meno luoghi di accoglienza e .

Ogni sera al pubblico è stata proposta un’occasione di confronto con la critica e le compagnie con dibattiti dopo lo spettacolo. Una proposta non solo teatrale, ma più ampiamente culturale e letteraria con otto spettacoli in concorso, tre eventi fuori concorso, incontri con le compagnie aperti al pubblico e alla critica e presentazioni editoriali dei testi vincitori del Festival 2017 che sono stati pubblicati all’interno della collana teatrale Le Nebulose.

Domenica 15 aprile sono stati conferiti i Premi 2018, a vincere la quarta edizione del DOIT Festival sono stati due spettacoli molto diversi che avendo raccolto esattamente gli stessi voti si sono aggiudicati il premio ex-equo: “TÁLIA SI È ADDORMENTATA” di Francesco Petti con Cinzia Antifona, Valentina Greco e Francesca Pica e “APLOD” di Rodolfo Ciulla con Federico Antonello, Michele Fedele, Matteo Giacotto e Giacomo Vigentini.

 

 

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.