Marcello Mastroianni

In mostra all’Ara Pacis il racconto inedito dell’icona del cinema italiano

“Una vita tra parentesi”. Così Marcello Mastroianni amava definire la sua vita. Le parentesi tra un set e l’altro, tra un palcoscenico e l’altro, lungo una carriera fatta di un’infinità di film, di spettacoli, di personaggi.

I fili intrecciati di quella vita e di quel cammino artistico sono ora ripercorsi dalla mostra ospitata fino al 17 febbraio 2019 al Museo dell’Ara Pacis.

Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, coprodotta e curata dalla Cineteca di Bologna e realizzata con il contributo del Ministero per i Beni e le attività culturali in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà l’esposizione ripercorre la carriera straordinaria di Mastroianni, dagli esordi con Riccardo Freda nel 1948 alla collaborazione con Federico Fellini, di cui diventò un vero e proprio alter ego.

Più di cento film tra gli anni Quaranta e la fine dei Novanta, e molti riconoscimenti internazionali: tre candidature all’Oscar come Miglior Attore, due Golden Globe, otto David di Donatello, due premi per la migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes e due Coppa Volpi al Festival di Venezia.

Un attore entrato prepotentemente nell’immaginario collettivo, identificato dal semplice profilo – pensiamo all’icona creata da Fellini in “8 e ½ ”- ma su cui in realtà c’è ancora molto da scoprire. E per andare a fondo nella scoperta, come osserva il curatore Gian Luca Farinelli, dobbiamo tallonare la sua filmografia in quanto specchio della sua stessa vita.

Ed è proprio questo il percorso che seguirà la mostra “Marcello Mastroianni”, a partire da un tratto distintivo della sua personalità: quell’umiltà che gli faceva amare gli altri attori, figure di un pantheon che raccoglieva Gary Cooper, Clark Gable, Tyrone Power, Errol Flynn, John Wayne, Greta Garbo, Jean Gabin, Louis Jouvet, Vittorio De Sica, Anna Magnani, Aldo Fabrizi, Amedeo Nazzari, Totò, Assia Noris, e nel quale trionfava, non a caso, Fred Astaire, un attore capace, come sarà poi Marcello, di recitare con tutto il corpo, ricordiamoci qui di quella che diverrà una delle sequenze fondamentali interpretate da Mastroianni: quella in cui si scatena nel ballo in “Le notti bianche”, il film di Luchino Visconti che segnerà il suo riconoscimento come attore “importante”.

Andremo alle origini della famiglia, di estrazione popolare, e dell’infanzia in Ciociaria (cosa che lo accomuna a due altri giganti: Vittorio De Sica e Nino Manfredi). Mastroianni entrerà quindi a Cinecittà, grazie a un preziosissimo pass avuto da alcuni parenti che lì gestivano una trattoria: le prime comparsate, fino al primo ruolo importante, in cui è doppiato da Alberto Sordi, quello del vigile in “Domenica d’agosto” di Luciano Emmer nel 1950.

Ma anche il teatro irrompe nella vita di Mastroianni: viene scoperto nel C.U.T. – il Centro Universitario Teatrale, dove recitava pur non essendo iscritto all’Università – da Emilio Amendola, amministratore della compagnia di Visconti che lo chiama nel 1948 per il ruolo di Mitch in “Un tram chiamato desiderio” di Tennessee Williams.

La sera della prima è il panico. Ci penserà Vittorio Gassman a tranquillizzarlo!

Nel decennio che segue continua la carriera cinematografica con Mario Monicelli, Mario Camerini, Dino Risi, Luigi Comencini, Carlo Lizzani, Giuseppe De Santis, ma sarà Alessandro Blasetti a inventarsi le potenzialità della coppia con Sophia Loren.

E qui la mostra Marcello Mastroianni giungerà a uno dei suoi punti cardine, cogliendo la differenza che Mastroianni è capace di mettere in campo: non più il “mattatore”, topos dell’arte attoriale italiana, bensì una sorta di nuovo italiano, che, ad esempio nella coppia con la Loren, appare soggiogato.

Mastroianni, in altre parole, è quell’attore che nell’anno della consacrazione come sex symbol, il 1960, con “La dolce vita”, accetta il ruolo del protagonista impotente nel “Bell’Antonio” di Mauro Bolognini: e proprio con la sua capacità di opporre allo stereotipo del latin lover la persona normale Marcello Mastroianni inciderà sul modo di pensare degli italiani, più di molti attori che, facendo dell’impegno civile e politico il principale tratto artistico, hanno lasciato meno il segno nella società.

Abbiamo accennato a “La dolce vita” e naturalmente “Il lungo viaggio” con Fellini (così si intitolerà la sezione dedicata al rapporto fondamentale tra Federico e Marcello) sarà declinato da “La dolce vita” , appunto, a “La città delle donne”, passando per “8 e ½”, film in cui i due si nascondono uno dietro l’altro, fino a quel “Mastorna” che non vedrà mai la luce.

La mostra seguirà quindi la carriera all’estero di Mastroianni (quando si definiva un “turista di lusso”) e arriverà fino all’ultima tournée teatrale, “Le ultime lune”, al film di Manoel de OliveiraViaggio all’inizio del mondo”, uscito postumo, a “Mi ricordo, sì, io mi ricordo”, il film testamento girato dalla sua compagna Anna Maria Tatò.

Tutta la vita e la carriera di Marcello Mastroianni sono raccontate in questa mostra che raccoglie i suoi ritratti più belli, i cimeli e le tracce dei suoi film e dei suoi spettacoli, alternando immagini e racconti e immergendo lo spettatore in quello che è stato ed è ancora il più conosciuto volto del cinema italiano.

Un percorso attraverso scritti, testimonianze, recensioni, oltre a un raro apparato fotografico che ritrae l’attore come non siamo abituati a ricordarlo, sul palco, vicino agli altri grandi nomi che hanno fatto la storia del teatro italiano, da Gassman a Rina Morelli, da Paolo Stoppa a Eleonora Rossi Drago.

Cinema e teatro, le due anime di uno degli attori più importanti del nostro cinema, raccontate in dialogo costante grazie ai materiali conservati dalla Cineteca di Bologna, dallo stesso Mastroianni e da numerosi altri archivi (da quello dell’Istituto Luce a quello della Rai) con i quali è stato costruito questo percorso privilegiato che accompagnerà lo spettatore attraverso cinquant’anni di cultura e costume italiani.

FINO AL 17 FEBBRAIO 2019
MARCELLO MASTROIANNI
MUSEO DELL’ARA PACIS
Lungotevere in Augusta (angolo via Tomacelli)
Orario: dalle ore 9:30 alle ore 19:30 – 24 e 31 dicembre 9:30-14:00 – 1° gennaio apertura straordinaria dalle 14.00 alle 20.00 – Chiuso il 25 dicembre
Biglietti: Solo mostra: Intero € 9,00 – Ridotto € 7,00
Mostra + Museo dell’Ara Pacis: Intero € 15,00 – Ridotto € 11,00
Residenti a Roma: Intero € 14,00 – Ridotto € 10,00
Infoline: 06 06 08 

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On