La négritude (re)trouvée

Aimé Cesaire & Léopold Sédar Senghor
Al centro dell’incontro al Centre Saint-Louis

La negritudine (négritude in lingua francese) è stata un movimento letterario, culturale e politico sviluppatosi nel XX Secolo nelle colonie francofone che coinvolse scrittori africani e afroamericani.
Gli esponenti di questo movimento si proponevano di affrancare i propri popoli dal complesso di inferiorità  imposto dai colonizzatori attraverso l’orgogliosa rivendicazione delle qualità peculiari proprie dei neri, la loro “negritudine” appunto).

Al centro dell’interessante incontro proposto dall’Institut français Centre Saint-Louis e condotto dal professor Edmond Galasso, laureato alla Università Jean Moulin – Lione 3 e docente alla Pontificia Università Urbaniana, due importanti protagonisti, vate e ideologi della négritude: Aimé Césaire, poeta, scrittore e politico francese, originario della Martinica e Léopold Sédar Senghor  poeta senegalese che è stato il primo Presidente del Senegal, in carica dal 1960 al 1980.

Eterni fratelli della “negritudine” ma con una visione diversa : per Césaire la negritudine è «il semplice riconoscimento e l’accettazione di un destino da nero» mentre per Sédar Senghor  è «l’insieme dei valori culturali del mondo nero, un intreccio di realtà».

L’incontro è aperto a tutti, senza limite di età, una ottima occasione anche per migliorare il proprio francese, con il supporto di media audiovisivi.
Il seminario infatti si svolge in lingua francese con il sostegno della lingua italiana.

LUNEDI 21 GENNAIO | Ore 10:00 – 16:30
Institut français Centre Saint-Louis
Largo Toniolo 22
Biglietto: 20 €
Infoline: 335 66 97 249

Staff

Author: Staff

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.