Il ’68 internazionale

Alla Casa della Memoria e della Storia nel seminario sul Sessantotto presieduto da Umberto Gentiloni interverranno Guido Crainz sul ’68 nell’Est europeo, Angelo Bolaffi approfondirà la storia e l’impatto nella Germania mentre sugli accadimenti negli Stati Uniti d’America parlerà
Alessandro Portelli.

A cinquant’anni dal 1968 i documenti dell’Archivio dell’Irsifar Memoria di carta restituiscono le speranze, gli ideali e i linguaggi di quella stagione che segnò un passaggio importante nella storia del nostro paese. Le agitazioni degli studenti contro una scuola inadeguata e per una società più giusta rappresentarono solo l’inizio di una mobilitazione generale che nel giro di pochi mesi coinvolse altri soggetti e altre realtà, dal mondo cattolico agli operai.

Alla Casa della Memoria e della Storia è in corso fino all’8 maggio la mostra “Il ’68 di carta”, che racconta quell’anno attraverso volantini, opuscoli, ritagli di giornale, fotografie, disegni, appunti, uno sguardo parziale e frammentario, ma anche capace di riproporci con forza l’affastellarsi degli eventi e la vitalità delle idee che si andarono formando e perfezionando nel corso di pochi mesi, se non di pochi giorni.

Questa prospettiva è integrata da rimandi alla cultura diffusa di allora e ai processi sociali ed economici che avevano contribuito a creare le condizioni perché il Sessantotto avvenisse. Così, ad esempio, prima ancora delle ideologie ebbe molta influenza l’esperienza di don Lorenzo Milani con la sua critica all’istruzione in Italia: la Lettera a una professoressa divenne testo di riferimento per quelle lotte e per quella presa di coscienza.

LUNEDI 16 APRILE 2018 | Ore 15:00 – 19:00
IL ’68 INTERNAZIONALE
Presiede il Seminario Umberto Gentiloni
Guido Crainz, il ’68 nell’Est europeo
Angelo Bolaffi, nella Germania
Alessandro Portelli, negli Stati Uniti d’America
CASA DELLA MEMORIA E DELLA STORIA
Via di San Francesco di Sales 5 – Trastevere
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti
Infoline:  06 6876543

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.