EYEDENTITY di Stephane Graff

 

La Galleria Mucciaccia propone Eyedentity, la prima mostra personale a Roma dell’artista franco – inglese Stephane Graff. La sua indagine artistica è fortemente influenzata dalle teorie della psicoanalisi e si interroga sui temi dell’identità e della memoria.

La mostra presenta una selezione di alcuni dei suoi lavori più noti, iniziando dalle prime opere della serie Black Box” (1991), opere foto-realistiche nelle quali gli occhi del soggetto sono celati dietro ad un riquadro nero, quali ad esempio “The Victorian painter” (2006) e “The Kiss” (2005); fino ai più recenti ”Glitch Paintings”, come “Rear Window” opera ispirata dal film “La finestra sul cortile” di Alfred Hitchcock, stimolate dalle immagini distorte createsi nel televisore dell’artista durante una tempesta elettrica.

In mostra anche opere dell’ emozionante serie “Mille-Feuille” 2014, composte da più di 100 strisce di legno assemblate insieme.

James Putnam descrive l’unicità della tecnica dell’artista con le seguenti parole: «Un effetto animato simile alla pixellizazione o allo sfarfallio di un vecchio televisore e rappresenta una relazione interessante tra analogico e digitale».

Infine i Mugshots, i ritratti più recenti, scaturiti dalla performance “E’ proibito sorridere” (Smiling Is Prohibited), tenutasi nella galleria Mucciaccia a Londra nel giugno scorso. Questi ultimi, sono esposti come una grande collezione di foto segnaletiche articolata con più di 70 serigrafie, a ciascuna delle quali l’artista ha aggiunto un numero e un anagramma del nome del soggetto.

“Mugshots” si riferiscono all’ era della “post-verità”. In contrasto con l’abbellimento superficiale e forzato della moda dei selfie, dove ognuno si scatta una foto sorridendo, l’artista chiede specificatamente ai suoi modelli di non sorridere: «Mi sono accorto che una foto dove il soggetto non sorride di solito trasferisce un messaggio molto più potente e rimuove qualsiasi traccia di banalità».

Graff definisce le sue opere dei “ritratti anti-identitari” mentre Costantino D’Orazio spiega i “Mugshots” accostandoli al Minimalismo: «Una storia fatta di sentimenti e reazioni, che vengono sottratte ai soggetti assieme alla possibilità di identificarli con un nome o un racconto».

 

Stephane Graff artista Franco-Inglese del 1956, vive e lavora a Londra. La sua tecnica è caraterizzata dall’uso della fotografia analogica e dalla creazione di dipinti fotorealistici.  Influenzato dalla teorie della psicoanalisi di Freud e Jung, affronta regolarmente nei suoi lavori i temi dell’identità, dell’occultamento, della memoria e la sua concezione laica del sacro. Una ricerca approfondita lo ha portato a sviluppare un suo Alter Ego, lo scienziato “Professore” e l’etno-botanico Dr Albert Frique. I suoi lavori più vasti sono i dipinti della serie dei “Black Box”, le serie fotografiche di “Constricttions” e le pitture di “Mille-Feuilles”, realizzate su numerose strisce di legno, che uniscono le discipline della pittura e della scultura. Graff ha esposo a livello internazionale. Le mostre selezionate includono: Almine Rech Gallery, Londra, UK (2016), Musée d’Art Modern et Contemporain di Nizza, Francia (2013); Ercel Foundation di Torino, Italia (2010), Operating Room, American Hastanesi, Istanbul, Turchia (2010), Musee de Marrakech, Marrakesh, Morocco (2004), e il Museum of Mankind di Londra, UK (1991).

 

FINO AL 5 MAGGIO 2018
GALLERIA MUCCIACCIA
Largo della Fontanella di Borghese 89
Orario: dal lunedì al sabato 10:00 – 19:30 –  Domenica chiuso
Infoline: 06 69923801
E-mail: segreteria@galleriamucciaccia.it;
Sito: www.galleriamucciaccia.com

 

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.