Il Distretto Culturale Evoluto
del Municipio Roma I Centro

Un sistema di relazioni, un network operativo tra soggetti pubblici e privati, finalizzato alla governance delle dinamiche di settore, il Distretto Culturale nasce per promuovere la circolazione della conoscenza, per alimentare un continuo scambio di saperi tra settori, attività e attori anche molto differenti tra loro e rappresenta la base da cui avviare quei processi di valorizzazione e di sostegno alla produzione culturale del territorio del Municipio Roma I Centro, favorendone la promozione anche a livello europeo.

Quali sono gli obiettivi del Distretto Culturale?

Il Distretto Culturale sostiene la crescita economica del settore, lo sviluppo delle professionalità, della qualità dei servizi, di nuovi segmenti di offerta culturale e turistica, promuove forme di aggregazione anche tra soggetti diversi e tra beni e attività culturali finalizzate alla sostenibilità economica delle gestioni e alla qualità dei servizi, sostiene l’indotto, la costituzione di filiere orizzontali e verticali favorendo l’interazione tra gli attori e l’integrazione tra pubblico e privato, tra la ricerca, la formazione e la creazione di pubblico.

Come opera il Distretto Culturale?

In particolare il Distretto Culturale sostiene la libera aggregazione tra i soggetti per favorirne la competitività puntando anche all’attivazione di agevolazioni sul piano fiscale e amministrativo. Promuove la qualificazione delle strutture e degli istituti culturali nonché la loro funzione educativa, sociale, culturale e turistica, ottimizzando la fruizione, l’utilizzo e le potenzialità economiche di tutte le strutture e dei beni culturali anche attraverso nuove forme di gestione.

Quali sono le articolazioni del Distretto Culturale?

  1. Il patrimonio culturale ed artistico e il tessuto associativo del territorio, il settore produttivo operante in ambito culturale e turistico o ad esso connesso;
  2. Il sistema delle infrastrutture e dei contenitori culturali che assicurano la fruibilità delle risorse culturali sia materiali che immateriali;
  3. Le organizzazioni, pubbliche e private, che erogano servizi culturali e alla cultura;
  4. Il sistema dell’alta formazione universitaria riconducibile al settore dei beni culturali e della cultura in genere;
  5. I soggetti privati interessati alla politiche culturali.

 Che attività svolge il Distretto Culturale?

A) La costruzione di una mappa di attività e attrattive culturali del territorio municipale;
B) La focalizzazione dell’attenzione sulle specializzazioni culturali espresse e potenziali, analisi e sviluppo delle complementarità tra queste e le specializzazioni produttive non culturali;
C) L’elaborazione di progetti e di nuovi strumenti mirati per aiutare il territorio a fare sistema e far emergere le potenzialità latenti con progetti più competitivi;
D) La promozione dei collegamenti organizzativi con altre tipologie di offerta del territorio (turistico, scolastico, commerciale, nuove tecnologie);
E) L’implementazione di un sistema integrato di servizi aggiuntivi nei contenitori culturali;
F) La realizzazione comune da parte di diversi soggetti della filiera di materiale promozionale e turistico;
G) La realizzazione di reti di eventi promozionali e di un calendario coordinato di aperture di siti e/o altri strumenti di promozione collettiva;
H) L’aumento dei servizi e delle opportunità relative al comparto turistico;
I) La messa in rete dell’esperienza del Distretto Culturale del Municipio Roma I Centro con altri distretti culturali già avviati in ambito nazionale e internazionale.

Come si aderisce al Distretto Culturale?

L’adesione al “Distretto culturale del Municipio Roma I Centro” è a carattere volontario ed avviene a titolo non oneroso mediante inoltro ufficiale agli uffici competenti di un atto di accettazione delle finalità dello stesso.

Quando nasce il Distretto Culturale?

Il Distretto Culturale è stato formalmente istituito con la Delibera Nr.52 approvata dalla Giunta del Municipio Roma I Centro il 26 novembre 2014.

 

LE TAPPE

 


 

SETTEMBRE 2013 – Il Tavolo della Cultura

L’inizio di questo lungo percorso può essere individuato nella giornata di Sabato 28 settembre 2013 quando presso la Casa delle Culture in Via San Crisogono 45 si svolge il primo “Tavolo della Cultura per lo sviluppo culturale del Municipio Roma I“.  L’iniziativa è il primo passo di quanto stabilito nella Delibera Nr. 3 dell’11 settembre 2013 in cui si manifesta la volontà di una forte azione di contrasto al “Cultural divide” attraverso il coinvolgimento di tutto il tessuto associativo in ambito culturale, per favorire l’emersione e la promozione dell’offerta culturale presente sul territorio e per la creazione, con l’amministrazione, di un luogo comune, di indirizzo, aperto e partecipato.

 


NOVEMBRE 2013 – EC(m1) Ecosistema Cultura

EC(m1) Ecosistema Cultura Municipio Roma I
Sabato 9 novembre 2013 – Porta Futuro

Il secondo appuntamento intitolato “EC(m1) Ecosistema Cultura Municipio Roma I” si è svolto Sabato 9 novembre 2013 a Porta Futuro in Via Galvani 108 con lo scopo di porre in relazione le realtà che fanno parte del sistema cultura della “City”, censirle, metterle nelle condizioni di creare sinergie e opportunità di collaborazione e creare la nascita di un Distretto Culturale.
In questa direzione Art is Open Source ha presentato visioni e prospettive della piattaforma EC(m1) un nuovo sistema tecnologico in grado di osservare, analizzare e visualizzare tutte le conversazioni pubbliche in tema di cultura espresse sui maggiori social network nell’area metropolitana di Roma. Una giornata di intensi lavori con partecipati workshop tematici sulla rigenerazione degli spazi, il coworking, reti e mutualità professionale, risorse finanziarie e fund raising per la cultura e il turismo.

 


 

MARZO 2014 – Zona di Cultura Attiva

Zona di Cultura Attiva
Sabato 29 marzo 2014 – Argiletum – Facoltà di Architettura dell’Università Roma Tre

Nel terzo incontro tra istituzioni ed operatori culturali del Municipio Roma I Centro intitolato “CULTUR+ Zona di Cultura Attiva” si è affrontato il tema della semplificazione burocratica e delle agevolazioni economiche delle attività culturali, della promozione culturale e della formazione del pubblico per ottimizzare il rapporto domanda – offerta, dell’Albo delle associazioni e dei luoghi di creazione culturale comune.

Inoltre è stato presentato l’Uospe, il nuovo ufficio per i bandi europei del Municipio per facilitare l’accesso degli operatori culturali ai bandi. Lo sportello rappresenta il primo caso di supporto a soggetti privati realizzato a livello municipale.

 

 

 


NOVEMBRE 2014 – Al centro, la cultura: nasce il Distretto Culturale

Il quarto incontro intitolato “CULTUR+ Al centro, la cultura” si è svolto Sabato 8 Novembre 2014 presso il Conservatorio di Santa Cecilia in Via dei Greci 18 dove associazioni culturali, artisti, scrittori, cinema, teatri, gallerie, accademie e ogni altro esponente del variegato mondo della cultura tornano è tornato a riunirsi per decidere assieme le priorità di indirizzo delle politiche culturali per territorio. Si è parlato di nuovi modelli di gestione e fruizione degli spazi culturali, dell’assistenza gratuita alla progettazione europea, del progetto Prontacassa, strumento per l’accesso diretto al credito per la realizzazione di eventi ed è inoltre stato presentato il Protocollo d’intesa con la Siae per l’esenzione e l’agevolazione delle manifestazioni culturali da svolgersi nel territorio municipale.

In questa occasione viene sottoscritta dagli operatori del settore la proposta che sarà recepita con l’approvazione della Delibera Nr. 52 del 26 Novembre 2014 con cui viene formalmente istituito il Distretto Culturale del Municipio Roma I Centro.

 

 

 


GIUGNO 2015 – Giubileo & Expo: occasioni per il Distretto Culturale

Giubileo & Expo: due occasioni concrete
per la cultura ed il turismo del I Municipio

Sabato 6 Giugno 2015 – LUMSA Università

La V assemblea generale degli operatori culturali intitolata “Giubileo & Expo: due occasioni concrete per la cultura ed il turismo del I Municipio” si è svolta Sabato 6 Giugno 2015 nell’Aula Magna della LUMSA Università in Borgo Sant’Angelo 13 dove oltre ad essere illustrato il progetto “Expo/Giubileo per il Distretto Culturale” si sono svolti sette diversi workshop: “Turismo sostenibile e responsabile”, “Luoghi dell’Arte ed artisti a Roma”, “App e Nuove tecnologie”, “Roma nascosta, street art e percorsi della bellezza”, “Gli spazi della Cultura”, “Promozione dell’offerta culturale e turistica del Municipio Roma I”, “Le eccellenze del made in Italy”.

 

 

 

 


OTTOBRE 2015 – Cultura = Lavoro

Cultura = Lavoro
Sabato 10 ottobre 2015
Palazzo delle Esposizioni

Cultura = Lavoro” il sesto incontro svoltosi Sabato 10 ottobre 2015 al Palazzo delle Esposizioni in via Nazionale è stata l’occasione per presentare a tutti gli operatori culturali e del turismo le opportunità che il Distretto culturale Evoluto del Municipio Roma I Centro ha messo a disposizione in termini di occupazione e sviluppo, favorendo l’inserimento lavorativo per i giovani ed il supporto economico alle associazioni, imprese e società nel campo della cultura e del turismo, attraverso i bandi europei ed il fondo Garanzia Giovani, opportunità per lo sviluppo e l’ occupazione nei settori della cultura e del turismo, per realizzare il passaggio da associazione ad impresa culturale. Particolare rilievo è stato dato alla possibilità per i giovani che vogliono impegnarsi nel settore della cultura di poter avviare un contratto di apprendistato o un tirocinio formativo i cui costi vengono corrisposti direttamente dall’INPS.

Sulla promozione delle attività culturali nell’ambito del Distretto Culturale nel Municipio Roma I Centro interverrà ulteriormente la Delibera Nr. 78 del 21 Ottobre 2015.

 


GENNAIO 2016 – Strumenti concreti per le politiche culturali


Il Teatro La Cometa in Via del Teatro Marcello 4 ha ospitato lunedì 25 gennaio 2016 il settimo incontro intitolato “Strumenti concreti per le politiche culturali” in cui sono state illustrate le opportunità che il Distretto Culturale Evoluto mette a disposizione in termini di semplificazione amministrativa, accesso al credito per le imprese culturali, facilitazione per l’ ingresso dei giovani nel mondo del lavoro in campo culturale e turistico, accesso ai fondi europei 2020, star up e nuove tecnologie.
L’incontro è stata anche occasione per presentare una proposta di legge regionale sui distretti culturali.

 

 

 

 


 

 

Il primo Tavolo della Cultura

13 SETTEMBRE 2013

Casa delle Culture

Interventi: Doris Andrews, Alessandro Belloni, Agata di Giannantonio, Alessandro Fantilli, Antonietta Campilongo

Durata: 4′ 30”

by Curioso TV – Salvatore Greco

 

Ecosistema Cultura

9 NOVEMBRE 2013

Porta Futuro Testaccio

Interventi: Salvatore Iaconesi presenta EC(m1) un nuovo modo di percepire la città e di lavorare insieme

Durata: 1′ 06”

by Art is Open Source

Occasioni per il Distretto Culturale

6 GIUGNO 2015

Lumsa Università

Interventi: Andrea Valeri, Massimo Wertmuller, Alfiero Brizi, Armando Soldaini, Sabrina Alfonsi, Michela Becchis, Simona Bacci

Durata: 37′ 53”

by Concreta-Mente