Cinemente

Da sette anni il progetto ideato e curato dalla Società Psicoanalitica Italiana unitamente al Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e alla Azienda Speciale Palaexpo accosta psicoanalisi e cinema per sondare quali emozioni, convinzioni e fobie si muovano al di sotto del nostro agire e sentire.

Il Festival che si svolgerà dal 6 al 15 aprile 2018 nella Sala Cinema del Palazzo delle Esposizioni proporrà un cinema che funziona ancora da specchio individuale e osservatorio collettivo, una selezione di pellicole con proiezioni speciali alla presenza di autorevoli psicoanalisti e registi e attori, che saranno messi a confronto su nodi cruciali del nostro caotico presente.

L’espressione di un sentimento di paura e smarrimento, il perturbante, generato da esperienze avvertite come familiari ed estranee al tempo stesso, accomuna idealmente i film di questa edizione.

Un concetto centrale per la psicoanalisi, un’inquietudine che riaffiora da sensazioni profonde, e che funziona perfettamente per descrivere quest’epoca in bilico tra gli opposti: falsa verità, realtà alternativa, amore criminale, danni del progresso, intelligenza artificiale…

Senza limiti e certezze, rassicurante e terribile si confondono minacciosamente, generando un’estraneità che dobbiamo sempre più esorcizzare.


DAL 6 AL 15 APRILE 2018
FESTIVAL CINEMENTE
PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI
Sala Cinema – Scalinata Via Milano 9
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

 

IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

VENERDI 6 APRILE 2018 | Ore 20:00

Paradisi artificiali
Un film di Yakov Protazanov
RUSSIA 1919-20 – Muto 85′ – Didascalie in spagnolo e italiano
Accompagnamento dal vivo al pianoforte del Maestro Antonio Coppola
segue incontro con Lucio Russo e Maria Assunta Pimpinelli

Tra i grandi pionieri del cinema russo, Protazanov predilige il realismo psicologico dei personaggi, sostenuto da interpreti straordinari quali Ivan Mozhukhin, impegnato in questa pellicola nel doppio ruolo di un parlamentare tossicomane e del suo sosia, un vagabondo che lo rimpiazza nella vita politica e familiare.


SABATO 7 APRILE 2018 | Ore 20:00

Padroni di casa
Un film di Edoardo Gabbriellini
ITALIA 2012 – Durata 90 minuti
segue incontro con Anna Ferruta e il regista

Al lavoro in un paesino dell’Appennino, due operai, nella felice accoppiata Germano-Mastandrea, si ritrovano coinvolti in una spirale di odio. La vita a contatto della natura svela il suo lato oscuro, su cui si staglia l’ambiguo cantante interpretato da Gianni Morandi, versione deformata della sua icona reale.


DOMENICA 8 APRILE 2018 | Ore 20:00

Monolith
Un film di Ivan Silvestrini
ITALIA/USA 2016 – Durata 83 minuti
segue incontro con Giovanni Foresti e il regista

Sola in mezzo al deserto, una madre cerca di liberare il figlio intrappolato in un’auto-fortezza inaccessibile. Un thriller psicologico mozzafiato che mina la nostra fiducia in una tecnologia iperprotettiva, che si sostituisce sempre più a noi nelle nostre scelte, condannandoci all’isolamento e all’alienazione.


MARTEDI 10 APRILE 2018 | Ore 20:00

Evilenko
Un film di David Grieco
ITALIA 2004 – Durata 117 minuti
segue incontro con
 Ezio Maria Izzo e il regista David Grieco

Un magistrale Malcolm McDowell impersona il mostro di Rostov, l’abominevole serial killer di bambini che terrorizzò l’Unione Sovietica tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’90. Un’indagine nell’inferno dell’animo umano, nella banalità del male assoluto, che sfrutta la fiducia per colpire le sue vittime.


MERCOLEDI 11 APRILE 2018 | Ore 20:00

The Place
Un film di Paolo Genovese
ITALIA 2017 – Durata 105 minuti
segue incontro con Manuela Fraire e il regista Paolo Genovese

Un uomo misterioso è seduto in un bar, chi lo viene a cercare sa soltanto che è capace di esaudire desideri. Radicalizzando l’impianto teatrale di Perfetti sconosciuti, Genovese prosegue il suo scavo per immagini nelle contraddizioni dell’esistenza umana, sorretto da interpreti in stato di grazia.


GIOVEDI 12 APRILE 2018 | Ore 20:00

Indivisibili
Un film di Edoardo De Angelis
ITALIA 2016 – Durata 100 minuti
segue incontro con Anna Nicolò e il regista Edoardo De Angelis

Due gemelle siamesi cantano alle feste e ai matrimoni, a beneficio di famiglia, chiesa e boss, sognando di vivere la normalità. Da un terreno di miseria e degrado sociale, sboccia questa fiaba potente e grottesca di amore, crescita e separazione.


VENERDI 13 APRILE 2018 | Ore 20:00

Liberami
Un film di Federica Di Giacomo
ITALIA-FRANCIA 2016 – Durata 89 minuti
segue incontro con Domenico Chianese e la regista Federica Di Giacomo

Miglior film al Concorso Orizzonti della 73a Mostra del Cinema di Venezia, questo straordinario documentario racconta il ritorno dell’esorcismo nel mondo contemporaneo. Un ritratto sorprendente, senza etichette e preconcetti, di un’umanità in cerca di rimedi ad un disagio che non trova risposte.


SABATO 14 APRILE 2018 | Ore 17:00

Giulia non esce la sera
Un film di Giuseppe Piccioni
ITALIA 2008 – Durata 105 minuti
segue incontro con Tiziana Bastianini e il regista Giuseppe Piccioni

Un’istruttrice di nuoto compromessa col mondo e uno scrittore insicuro del proprio talento incrociano le loro solitudini. Un film introspettivo, delicato e toccante che descrive l’incertezza di vite sospese tra un passato irrisolto e un presente su cui è impossibile galleggiare.


SABATO 14 APRILE 2018 | Ore 20:00

Cronaca di un amore
Un film di Michelangelo Antonioni
ITALIA 1950 – Durata 102 minuti
segue incontro con Alberto Angelini e Alberto Sironi

Cinemente estende la riflessione al passato attraverso l’analisi di un grande classico, scelto da una personalità del nostro cinema. L’esordio folgorante di Antonioni prende le distanze dal cinema neorealista con un intrigo amoroso claustrofobico, nel quale il passato riemerge minando la realizzazione emotiva dei personaggi.


DOMENICA 15 APRILE 2018 | Ore 20:00

Cuori puri
Un film di Roberto De Paolis
ITALIA 2016 – Durata, 114 minuti
consegna il premio Paolo Boccara, sarà presente il regista Roberto De Paolis

Cinemente si conclude premiando l’opera prima della scorsa stagione per la particolare sensibilità con cui rispecchia la condizione nel nostro tempo. La lotta dei due giovani protagonisti, per difendere la loro integrità da una realtà opprimente, sorprende con squarci di rara verità psicologica.

Redazione

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.