Antica Stamperia Rubattino

La nostra città, ahinoi, ha poche certezze. Ogni giorno trasciniamo valigie pesanti, pensieri confusi, ricordi sbiaditi. Ma guai se smarrissimo il desiderio di tuffarci nel cuore dei nostri vicoli, di calpestare il vissuto dei marciapiedi, percorsi e sentieri di vita dei nostri quartieri. Guai, se non approfittassimo delle mille scorciatoie che la nostra città riserva ai nostri quotidiani affanni.

A Testaccio, per esempio, il cuore dell’arte non hai mai smesso di battere. Il fermento creativo, l’alternarsi di ritmi e culture, il futuro come estensione della memoria storica… tutto sembra evoluto, integrato, e allo stesso tempo tradizionale, resistente, antico…

L’Antica Stamperia Rubattino sembra la sintesi di tutto ciò. Appare come la testimone di un quartiere, il racconto di una storia, la descrizione di un viaggio.

La stamperia nasce circa 50 anni fa, in via Rubattino n. 1, dalla professionalità e capacità di Carlo Savelli, un caparbio testaccino che decide di creare una azienda di stampa, grafica ed editoria.

Nel corso degli anni subisce, incorpora e progetta ogni evoluzione tecnologica, dalla stampa tradizionale all’era del digitale.

Ma ciò che nel tempo caratterizzerà la stamperia come un fenomeno unico della città è la straordinaria capacità di trasformarsi in un riferimento policulturale e artistico, in una dimensione di incontro e confronto che davvero raramente riesce a percepirsi ed esprimersi.

All’interno dello spazio, di circa 200 metri quadri, si alternano spettacoli teatrali, concerti cantautorali, seminari, conferenze, presentazioni di libri, corsi di fotografia, corsi di teatro, accademie, stage professionali.

Il tutto, con una straordinaria eredità raccolta, una leva di orgoglio, un valore inestimabile per chi di musica vive, di musica si nutre, di musica respira.

Alla chiusura definitiva dello storico “Folkstudio”, Fabrizio Emigli, ultimo direttore artistico dello speciale “Spazio Giovani”, in collaborazione con alcuni musicisti e operatori rimasti “orfani” del fondatore Giancarlo Cesaroni e di quelle mitiche “stanze polverose”, decisero di riproporre altrove la stessa esperienza, cercando ospitalità in vari luoghi (associazioni culturali, pub, vinerie).

Il gruppo decise di fondare l’associazione “Sopra c’è Gente”, nome che prende spunto dall’annoso problema dei rapporti tra vicinato e musica dal vivo.

Nelle sue prime avventure, l’Associazione riuscì a conquistare piccoli ma importanti spazi, che ospitarono per un lungo periodo alcune realtà della scena italiana. Fra i tanti, Stefano Rosso, Simone Cristicchi, Luigi “De Gregori” Grechi.

L’Archivio Folkstudio riconobbe e appoggiò il progetto donando all’Associazione alcuni oggetti “simbolo” appartenuti allo storico locale: un’ampia discografia di alcuni artisti folk prodotti dall’etichetta “Folkstudio”, mixer e impianto voci e la famosa “campana” con la quale si “annunciava” l’inizio di tutti gli spettacoli tenutisi nello storico locale (da Bob Dylan a Francesco De Gregori, da Antonello Venditti a Giovanna Marini, da Lucio Dalla a Roberto Benigni, Vinicius De Moraes e mille altri ancora…).

Dal 2014 le attività culturali di “Sopra c’è Gente” iniziano a svolgersi all’interno dell’Antica Stamperia Rubattino, ancora con la direzione artistica di Fabrizio Emigli, presidente e fondatore dell’associazione, insieme a Paola Savelli e Mario Di Chiara.

La stamperia ha ospitato nel tempo concerti di Edoardo De Angelis, Nancy Cuomo, Enzo Pietropaoli, Michele Ascolese, etc. Omaggi dedicati a Sergio Endrigo e all’impegno di Medici Senza Frontiere.

Nel 2018 produrrà e promuoverà un CD; 14 cantautori ed un ospite illustre dedicano le proprie composizioni alle vittime del terremoto di Amatrice. I ricavati verranno consegnati direttamente al Sindaco Sergio Pirozzi, che ha accolto di gran cuore l’iniziativa.

L’Antica Stamperia Rubattino è quindi un percorso suggestivo, affascinante, culturalmente e socialmente importante.

Una realtà di cui Testaccio non può che andare fiera.

Giovane cantautrice toscana, Giulia Pratelli ha più volte attirato l’attenzione di grandi artisti quali Fiorello, Marco Masini, Enrico Ruggeri. Ha vinto diversi premi e riconoscimenti, tra cui il Premio Castelletto 2008 (secondo posto) e premio F.I.O.F.A. al Golden Disc 2008. Nell’estate 2009 è in tour con Gatto Panceri come supporter. Nello stesso periodo inizia una collaborazione con il musicista, arrangiatore e produttore Valter Vincenti (Loredana Bertè, Ornella Vanoni, Paola Turci, Mogol, Mario Lavezzi), a cui affida la direzione artistica del suo primo album “Via!”. Nell’estate 2011 vince il concorso “T Rumors” e partecipa alla compilation della manifestazione con due inediti: “Una margherita viola” e “Davanti a un caffè”, per l’occasione suonati e ri-arrangiati da Ferruccio Spinetti (Musica Nuda, Avion Travel). Nel 2013 pubblica due nuovi singoli, arrangiati da Marco Adami: “Piccole Donne”, scritto da Grazia Di Michele, e “Cartoline”. Nello stesso anno partecipa al tour “La mia storia…piano e voce” di Marco Masini, che la sceglie come ospite di ogni serata in tutta Italia. Nel Gennaio 2014 pubblica un’inedita versione di “Ah che sarà”, nella quale è accompagnata solamente dal bassista Luca Pirozzi. Nello stesso periodo approda all’EdicolaFiore, dove Fiorello la accoglie con grande entusiasmo. Giulia diventa parte del cast e da tre anni partecipa ai live show di Fiorello in diretta dall’Edicola, ora trasmessi su SkyUno e Tv8. Nel Luglio 2014 pubblica il singolo “Scegli il meglio” feat. Violapolvere (band pop-rock), che porta le firme di Enrico Ruggeri e Luigi Schiavone. Il 1° gennaio 2015 si esibisce nello spettacolo “Let It Beatles” a Lucca, che omaggia l’Anniversario dei 50 anni del tour dei Beatles in Italia. Il 31 gennaio la replica con un fantastico tutto esaurito. Comincia poi, sul suo canale YouTube, un appuntamento settimanale con “Musica in camera…”, dove reinterpreta grandi successi della musica italiana e internazionale, con un’ottima risposta del pubblico. Il 20 Giugno 2015 si esibisce a Firenze al concerto dedicato al World Refugee Day, insieme a Elisa, Piero Pelù, Bandabardò, Brunori Sas. A luglio 2015 partecipa all’evento “Serenata per Roma” (“Roma incontra il mondo”/Villa Ada) insieme a Dolcenera, Enzo Gragnaniello, Luca Madonia, Stag, Erica Mou. In questa occasione, Giulia duetta con Zibba e da qui ha inizio una solida collaborazione.
Nel frattempo Giulia ha completato gli studi in Giurisprudenza, presso l’Università di Pisa, con il massimo dei voti. Il 13 gennaio 2017 esce il nuovo singolo “DALL’ALTRA PARTE DELLE COSE”, che preannuncia il nuovo disco “TUTTO BENE”, sotto la direzione artistica di Zibba, uscito il 12 Maggio.

Gerry Mottola

Author: Gerry Mottola

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.